Concorsi di progettazione, entro ottobre i bandi-tipo di ITACA

Entro il prossimo mese di ottobre 2019 ITACA proporrà alla Conferenza Stato-Regioni i bandi-tipo per i concorsi di progettazione e per gli affidamenti di servizi di architettura e ingegneria ai liberi professionisti.

Lo ha annunciato nel corso della recente Conferenza degli Ordini degli Architetti, Giuseppe Rizzuto, direttore di ITACA, l’Istituto per la trasparenza negli appalti che costituisce il braccio operativo della Conferenza Stato-Regioni.

“I bandi tipo, già adottati dalla Regione Siciliana ed oggi in fase di adozione da parte di ITACA - ha ricordato Rino La Mendola, Vicepresidente del Consiglio Nazionale degli Architetti - puntano ad offrire alle stazioni appaltanti gli strumenti necessari per rilanciare i lavori pubblici, promuovendo i concorsi di progettazione e l’affidamento di servizi di architettura e ingegneria ai liberi professionisti e segnando così una proficua inversione di tendenza delle recenti politiche di centralizzazione della progettazione presso la pubblica amministrazione, da noi fortemente contestate”.

CNAPPC: ‘nel Decreto Sblocca Cantieri luci e ombre’

“Abbiamo contestato il Decreto Sblocca Cantieri - ha aggiunto La Mendola - in quanto è l’ennesima norma omnibus che modifica testi normativi di settore specifici, come il codice dei contratti ed il Testo Unico sull’edilizia e che, in mancanza di una visione strategica di insieme, rischiano di comprometterne l’impostazione globale ed alimentano ulteriore confusione”.

“Lo Sblocca Cantieri si caratterizza negativamente soprattutto per aver rilanciato l’appalto integrato: una procedura che, inseguendo un illusorio processo di semplificazione, relega il progetto ad un ruolo marginale nel processo di esecuzione delle opere pubbliche, alimentando varianti in corso d’opera, contenziosi ed incompiute e rischiando dunque di provocare criticità diametralmente opposte agli obiettivi che il governo intenderebbe raggiungere”.

La Mendola ha ricordato poi come gli architetti italiani abbiano comunque giudicato positivamente alcuni elementi dello Sblocca cantieri, come l’annunciato ripristino di un regolamento unico di attuazione del codice dei contratti che, recuperando l’ottimo lavoro svolto dall’ANAC, potrà costituire un riferimento certo per gli addetti ai lavori, così come l’introduzione, sebbene temporanea, della facoltà delle stazioni appaltanti di acquisire il finanziamento delle risorse, limitatamente a quelle da utilizzare per la progettazione. Ciò, di fatto, consentirà alle stazioni appaltanti di fornirsi di un parco progetti, indispensabile per fruire nel migliore dei modi dei flussi finanziari europei, anche se però bisognerebbe contestualmente costituire una cabina di regia che consenta di indirizzare le amministrazioni ad investire su progettazioni in linea con la programmazione dei fondi comunitari, al fine di evitare lo spreco di risorse in progettazione di opere difficilmente finanziabili”.

“Lo Sblocca cantieri - ha concluso La Mendola - seppure contestato nella sua impostazione generale, ha dunque introdotto anche elementi apprezzati dagli architetti, che adesso aspettano una riforma organica del codice dei contratti in grado di confermare gli elementi positivi del testo attualmente in vigore, superandone le tante criticità nell’ambito dei servizi di architettura e ingegneria”.

Carlea, presidente CSLLPP: ‘no all’appalto integrato’

Alla Conferenza degli Ordini degli Architetti è intervenuto anche il Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici, Donato Carlea, che ha ribadito l’importanza della centralità del progetto e ha stigmatizzato procedure come l’appalto integrato che consentono l’affidamento dei lavori in mancanza di un progetto esecutivo.

Carlea ha anche espresso il proprio parere negativo su criteri di affidamento, fondati su elementi di valutazione discrezionali, come quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa, che non garantiscono di certo la trasparenza negli appalti.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO