Stati Uniti. Per gli spazi pubblici e museali gli studi cercano giovani progettisti

stati
Parigi. Fondation Louis Vitton (courtesy: TM Light)

Nel contesto della progettazione creativa degli spazi pubblici e dei luoghi per esposizioni artistiche, per realizzazioni permanenti o temporanee, esiste negli Stati Uniti una grande domanda da parte del mercato, e la conseguente ricerca di figure di progettisti dedicate a questo specifico ambito è molto forte.

Infatti un gruppo di studi con sede a Los Angeles, Brooklyn e Manhattan sono alla ricerca di collaboratori con differenti competenze operative e diversi livelli di esperienza.

A Los Angeles, ad esempio, lo studio Fluidity Designs Consultantsè alla ricerca di uno Junior Designer con esperienza nell’utilizzo professionale di AutoCAD, almeno con 1 anno di pratica sviluppata all’interno di altri studi ed una formazione universitaria in Architettura o Architettura del Paesaggio.

stati
Doral (Florida). City Place Doral (courtesy: Fluidity Design Consultants)
stati
Chengdu (Cina). A4 art Museum (courtesy: StudioHau)

Sempre a Los Angeles, lo StudioHAU è alla ricerca di un architetto progettista o di un designer con un’esperienza professionale fra i 2 e i 4 anni e che abbia confidenza con gli strumenti progettuali di AutoCAD, Rhino e Revit.

La figura di un “Intermediate Designer” con un’esperienza professionale compresa fra i 4 e i 6 anni è invece quella richiesta dallo studio Formation Association, mentre lo studioTM Light, con sede a Brooklyn, New York, è alla ricerca di un Junior Lighting Designer che abbia almeno 1 anno di esperienza operativa nel campo dell’architectural lighting design. Il candidato ideale in questo caso dovrà avere una formazione universitaria o avere seguito master di specializzazione in Lighting Design, Architectural Design o Interior Design.

Per quanti fossero interessati, altre opportunità professionali sono inoltre offerte a New York dagli studi FXCollaborative, Rice+Lipka Architects, StephanieGoto e Heintges.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO