Casa Cialdini: da ex-carrozzeria a moderno appartamento a Milano

Casa Cialdini, un fabbricato indipendente, su due piani, all’interno di una corte milanese, prima della ristrutturazione aveva una destinazione d’uso molto diversa: era un'ex-carrozzeria. 

Prima della ristrutturazione si presentava come un edificio al rustico, privo di serramenti e finiture, ma con una spazialità dirompente e i caratteri tipologici del suo recente passato perfettamente conservati che non potevano essere persi: le ampie finestre, i singolari tratti compositivi della facciata, così come la grande trave a vista in acciaio nel living.

La memoria del luogo andava enfatizzata, mescolandola con uno stile più eclettico negli arredi per smorzare lo stile troppo “industriale” degli ambienti.

“Di fronte ad uno spazio dal grande potenziale”, spiega l’architetto Stefania Micotti che ha seguito il progetto, “la volontà non è stata quella di estremizzare la vocazione industriale dell’edificio, con il rischio di renderlo eccessivamente freddo e poco vivibile, bensì di mixare i tratti originari con scelte architettoniche e stilistiche più eclettiche e domestiche: dall’uso di arredi di modernariato e antiquariato, fino alla scelta di finiture e rivestimenti non eccessivamente minimali, ma velatamente retrò, tra cui ceramiche esagonali, le classiche piastrelle diamantate per il rivestimento dei bagni e dettagli in ottone nel pavimento in cemento del living.“

L’acciaio, scelto per i serramenti e le vetrate utilizzate anche nella ex carrozzeria, diventa materiale e tema ricorrente in tutta la casa, dalla struttura per la cucina a quella del letto matrimoniale, dalla scala a chiocciola che collega i due livelli dell’abitazione, fino ai rivestimenti delle soglie per accedere al terrazzo del piano superiore. Ma non è mai un materiale freddo, in quanto viene sempre accostato al legno: le essenze chiare per tutti i mobili realizzati a misura e per il parquet del piano superiore, quelle più scure per i mobili vintage.

Anche la scelta della pavimentazione è stata un compromesso bilanciato tra toni e materiali freddi/caldi: al l piano terra il pavimento è in cemento con finitura naturale, mentre nella zona notte il legno scalda l'ambiente.

Uno dei punti di forza, nel recupero di questa ex carrozzeria, è il terrazzo al primo piano, concepito come una grande stanza riparata da una struttura scenografica che chiude parzialmente l’ambiente.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO