Dubai riferimento mondiale per commercio, tempo libero e finanza?

Può Dubai essere una città davvero felice? Si, se sa abbracciare la tecnologia più innovativa. Lo pensa l’Emiro che ha promosso il progetto Smart Dubai.

A partire dagli spazi degli uffici, progettati all’insegna della digitalizzazione più spinta sempre celebrando al contempo la natura del territorio.

Smart Dubai è un progetto di miglioramento e rilancio hi-tech che prevede anche la completa digitalizzazione della burocrazia e mira a trasformare la città in un punto di riferimento mondiale per il commercio, il tempo libero e la finanza, attraverso l’offerta servizi “intelligenti” al cittadino e l’uso di tecnologie all’avanguardia.

Per gli interni dei suoi nuovi uffici, Smart Dubai, che con una superficie di 1.800 mq occupa un intero piano di un edificio del Dubai Design District, ha sfidato lo studio di architettura dwp a tradurre la sua visione, incorporando perfettamente tecnologia innovativa con le ultime disposizioni in materia di sostenibilità. Il risultato è stato un progetto premiato al CID come “Iniziativa dell’anno di interior design sostenibile”.

“L'intero concept era basato su elementi naturali caratteristici degli Emirati Arabi Uniti e una storia radicata in Medio Oriente. Stavamo osservando le sabbie mobili, un torrente tortuoso e un'oasi nel deserto”, afferma Nadine Abedzadeh, interior designer di dwp, aggiungendo che tutti questi elementi sono stati usati come riferimento per la realizzazione gli ambienti interni, come il pavimento ed i soffitti, che interpretano le dune del deserto mosse dal vento.

L’ambiente risulta fluido, dinamico, connesso: ispirata al Dubai Creek, la passerella centrale si snoda attraverso tutte le aree dell'ufficio, rendendole facilmente accessibili e collegate, culminando nell’oasi - la zona caffè - che gode di una posizione privilegiata e di una vista panoramica sulla città. Intorno alla zona caffè, il team di progettazione ha creato uno schermo a LED per visualizzare i feed di Twitter per #smartdubai e qualsiasi annuncio per l’ufficio.

Il binomio tecnologia-natura si riscontra in ogni parte dell’ufficio, a cominciare dall’ingresso, dove i progettisti hanno sistemato un’area salotto informale, delle poltrone contro pareti divisorie in corda naturale, e una reception virtuale con un touch screen, che aiuta a intercettare tutte le visite in ufficio.

'Una reception virtuale indirizza i visitatori verso lo spazio cercato, sia che si tratti di una sala riunioni o dell'oasi del bar, e consente ai visitatori di interagire con lo spazio. I visitatori digitano il loro nome e chi vogliono visitare e gli impiegati vengono quindi informati tramite SMS che il loro visitatore è arrivato', spiega Abedzadeh. Inoltre, tutte le luci all'interno dello spazio sono dotate di sensori che si disattivano automaticamente quando una stanza particolare non è in uso e si accendono automaticamente con il movimento.
Per stimolare la creatività e la condivisione delle idee, il 90% dei muri è scrivibile.

Il posizionamento dinamico e gli spazi ampliati, incoraggiano lo staff alla collaborazione e alla comunicazione. Come richiesto dal committente, tutte le aree, compresa la reception, il caffè e la zona relax, sono multifunzionali e possono essere convertite in stanze per le riunioni meno formali”, dice Abedzadeh.

I materiali scelti sono naturali ed ecosostenibili: ogni elemento di falegnameria è stato realizzato su misura, utilizzando legno di quercia o corda naturale. Per minimizzare l’impatto ambientale dei rifiuti è stato implementata una strategia innovativa, che ha consentito di riciclarne circa il 50%.
Infine, per rispondere alla volontà della committenza di rendere l’ufficio un ambiente accogliente e familiare, sono stati scelti degli schemi di colori caldi e neutri, intervallati da piccoli giardini e piante verdi, che ogni dipendente è invitato a curare come fossero i propri.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO