Residenza quattrocentesca in bianco e nero

Lo studio veneto Parisotto+Formenton firma la ristrutturazione di una residenza al piano nobile di un antico palazzo del centro storico di Padova in cui si è cercato di valorizzare al massimo l’esistente limitando i nuovi interventi.

L’impianto risale al ‘400, ma nel tempo ha subito numerosi rimaneggiamenti di cui si leggono le stratificazioni. Il layout originario è stato preservato ed il progettosi è principalmente concentrato sul restauro e sulla scelta di materiali e dettagli di stampo contemporaneo che potessero convivere in equilibrio con la preesistenza.

A livello conservativo, rimossi gli intonaci e i controsoffitti più recenti ci si è trovati davanti ad una situazione di grande incoerenza: in particolare le travature in legno esistenti erano condizione che si è deciso di lasciare visibile testimonianza delle vicende dell’edificio. Le travi vengono consolidate e lasciate a vista, finite con una velatura omogena di colore bruno che accentua il contrasto con i muri restaurati e perfettamente bianchi. Come anello di congiunzione tra i piani verticali e orizzontali, una nuova cornice in gesso cerchia le stanze incorniciando i soffitti scuri. L’effetto finale è quello, alzando gli occhi, di osservare incorniciate da un intervento nuovo le stratificazioni del tempo.

Sono state sottoposte a restauro anche le suggestive porte esistenti, a doppia anta con vetri lavorati e i serramenti originali in legno, testimonianza degli interventi sulla dimora risalenti ai primi del ‘900.

I nuovi pavimenti, in rovere naturale a spina di pesce – con fascia e bindello perimetrale – rivisitano un classico delle case borghesi con un tono contemporaneo: un richiamo alla tradizione italiana del ‘900.

L’atmosfera della casa, calda nel suo guscio architettonico di contrasti e contrapposizioni tra vecchio e nuovo, chiaro e scuro, è invece piuttosto rarefatta, l’arredo è essenziale, rigoroso, monocromo con pochi accenti cromatici.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO