Zaha Hadid Architects vince il concorso per il rilanciare il porto di Novorossiysk

zaha

Situata sulla costa del Mar Nero che collega la Russia con il Mediterraneo, l'Oceano Atlantico e il Canale di Suez, la città di Novorossiysk è il più grande porto commerciale della nazione e il terzo più trafficato in Europa per fatturato.

Con collegamenti diretti a molteplici reti ferroviarie e autostradali della Russia, Novorossiysk è diventata negli anni un importante centro industriale.

Il progetto vincitore per il masterplan dell' Admiral Serebryakov Embankment porta una firma importante, quella di Zaha Hadid Architects.
Il nuovo masterplan si intreccerà con il tessuto urbano di Novorossiysk in una configurazione porosa che ricollegherà la città con la sua costa, invogliando residenti e visitatori a vivere il sito passando attraverso piazze pubbliche, giardini e parchi.

Limitando l'accesso veicolare, il progetto creerà inoltre nuove funzioni ricreative, culturali, aziendali ed ecologiche all'interno di una composizione coerente che reintegra la passeggiata del terrapieno della città come importante spazio civico che riflette il patrimonio marittimo di Novorossiysk.
Un nuovo porto di pesca, un porto turistico e dei moli saranno parte integrante del masterplan, consentendo ai residenti e ai visitatori di godere della spiaggia, elemento sulla quale è stata fondata la città di Novorossiysk.

Previsti nel nuovo progetto nove nuovi edifici con una superficie totale di circa 300.000 metri quadrati. Applicando il concetto di "istanza", in cui nove iterazioni di una singola forma evolvono in un gradiente attraverso il sito, la configurazione di ciascun edificio verrà stabilita in base alla sua funzione, alle sue condizioni e ai suoi requisiti unici.

La prima fase del masterplan includerà strutture per eventi civici, culturali e aziendali, nonché l'hotel, segnalando il ripristino del lungomare della città su Tsemes Bay come uno spazio pubblico da vivere per i residenti e i visitatori di Novorossiysk.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO