Eventi climatici estremi: aumentano i “focolai” di umidità e calore

Eventi climatici estremi:
Credits: Juraj Varga da Pixabay

 

Secondo alcuni studi, in futuro il riscaldamento globale potrebbe fare in modo che eventi climatici estremi di umidità e calore, combinati insieme, possano raggiungere dei livelli al limite della sopravvivenza umana. Tuttavia, un’analisi condotta dai ricercatori dell’Osservatorio Lamont-Doherty della Columbia University pare indicare che questo futuro non sia poi così lontano.

La ricerca, apparsa su Science Advances, identifica migliaia di eventi climatici senza precedenti di umidità combinata al calore avvenuti in Asia, Africa, Australia, Sud America e Nord America, compresa la regione della costa del Golfo. Questi “focolai” di umidità e calore sono stati finora limitati ad aree localizzate e sono durati solo poche ore, ma stanno aumentando in frequenza e intensità.

“Precedenti studi avevano previsto che ciò sarebbe accaduto tra diversi decenni, ma noi dimostriamo che sta accadendo proprio ora, ha dichiarato l’autore principale dello studio, Colin Raymond. Analizzando i dati delle stazioni meteorologiche dal 1979 al 2017, gli autori hanno scoperto che gli eventi climatici estremi di umidità e calore sono raddoppiati nel corso del tempo. In più, livelli potenzialmente fatali sono stati registrati già 14 volte nelle città di Dhahran (Arabia Saudita), Doha (Qatar) e Ras Al Khaimah (Emirati Arabi Uniti).

Il sud-est degli Stati Uniti ha già vissuto decine di episodi di eventi climatici estremi di umidità combinata al calore, soprattutto nel Texas orientale, nella Louisiana, nel Mississippi, in Alabama e in Florida. Non sorprende che i fenomeni si siano concentrati sulle coste, dove l’evaporazione dell’acqua di mare fornisce abbondante umidità che viene aspirata dall’aria calda. Nelle aree più interne, i venti monsonici carichi di umidità e le vaste zone di irrigazione agricola sembrano svolgere lo stesso ruolo.

Precedenti studi sul clima hanno dimostrato che l’umidità peggiora gli effetti del calore. Gli esseri umani, infatti, raffreddano i loro corpi sudando; l’acqua espulsa attraverso la pelle rimuove il calore corporeo in eccesso e, quando evapora, porta via quel calore. Il processo funziona bene nei deserti, ma meno bene nelle regioni umide, dove l’aria è già troppo carica di umidità e l’evaporazione del sudore rallenta. Nei casi più estremi, potrebbe addirittura fermarsi, portando alla morte in poche ore.

I meteorologi misurano l’effetto combinato di calore e umidità sulla cosiddetta scala a “bulbo umido”. Precedenti studi suggeriscono che anche le persone più forti e resistenti non possono svolgere normali attività all’aperto quando il bulbo umido raggiunge i 32 ° C. Lo studio ha scoperto che gli episodi in cui si registrano circa 30 ° C di bulbo umido sono raddoppiati dal 1979.

Se l’aria condizionata può attenuare gli effetti nei paesi ricchi, ci sono dei limiti. I ricercatori hanno sottolineato che, a causa di questi evidenti climatici estremi di umidità e calore, le persone saranno sempre più costrette al chiuso per periodi più lunghi, e attività come l’agricoltura e il commercio potrebbero potenzialmente arrestarsi, anche nelle nazioni ricche.

Commentando lo studio, Steven Sherwood, climatologo dell’Università australiana del Nuovo Galles del Sud, ha dichiarato: “Queste misurazioni ci dicono che alcune aree della Terra sono molto più vicine del previsto al raggiungimento di livelli di calore prolungato intollerabili. In precedenza, si pensava che avessimo un margine di tempo molto più ampio.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO