La Nuova Zelanda obbligherà le banche a rivelare l’impatto climatico degli investimenti

E’ il primo Paese al mondo a farlo. Diventeranno obbligatorie le comunicazioni sul clima per 200 organizzazioni, tra cui la maggior parte delle società quotate, delle grandi banche, delle assicurazioni e dei gestori dei fondi di investimento.

Nuova Zelanda
Foto di Eisi02q da Pixabay

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Prendere in considerazione gli impatti dei cambiamenti climatici, e spiegare come saranno gestiti rischi e opportunità. E’ quello che viene richiesto al settore finanziario da una legge ad hoc della Nuova Zelanda, il primo Paese al mondo a farlo. Il disegno di legge, presentato al Parlamento, riceverà la sua prima lettura questa settimana.

“Essere il primo Paese al mondo a introdurre una legge come questa significa riuscire a dimostrare di avere una vera leadership, e di spianare la strada ad altri Paesi che vorranno rendere obbligatorie i rapporti finanziari sul clima – osserva il ministro del Commercio e dei consumatori, David Clark è importante che ogni parte dell’economia della Nuova Zelanda sia di aiuto nella riduzione delle emissioni e nella transizione verso un futuro a basse emissioni di carbonio. Questa legge garantisce che le organizzazioni finanziarie rivelino e, in ultima analisi, agiscano contro i rischi e a favore delle opportunità legate al clima”.

Leggi ancheFinanza sostenibile, 7 paesi UE azzoppano gli investimenti fossili

Il disegno di legge renderà obbligatorie le comunicazioni relative al clima per 200 organizzazioni, tra cui la maggior parte delle società quotate, delle grandi banche, delle assicurazioni e dei gestori dei fondi di investimento. Le comunicazioni saranno richieste a cominciare dagli esercizi che iniziano nel 2022; il che significa che le prime comunicazioni saranno effettuate nel 2023. La rendicontazione si baserà sul quadro della task force on climate related Financial disclosures, una delle migliori pratiche a livello internazionale. Le divulgazioni dovranno essere effettuate in conformità con gli standard climatici che saranno emanati dall’External reporting board. Il monitoraggio e l’applicazione sarà responsabilità dell’Autorità per i mercati finanziari.

Per il ministro ai Cambiamenti climatici, James Shaw, la legge rappresenta “un altro passo verso un futuro prospero e rispettoso del clima per la Nuova Zelanda. Ci sono attività e risorse in cui sono coinvolte queste imprese che non manterranno il loro valore in un mondo a basse emissioni di carbonio. Allo stesso tempo ci sono tecnologie e attività in grado di ridurre le emissioni, e diventeranno estremamente preziose per l’economia a basse emissioni di carbonio cui si punta per il futuro. Questa legge porterà i rischi climatici e la resilienza al centro del processo decisionale”.

Leggi anche Investi sul cambiamento climatico e ti cancello il debito sovrano

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO

© Ro&Ro Electric
IT06635560011