Pannelli solari organici, al Vinitaly la cella fv che viene dall’uva

pannelli solari organici uva

 

 Il progetto CHEERS testa nuovi coloranti ottenuti dal riciclo per i pannelli solari organici

(Rinnovabili.it) – Quale palcoscenico migliore della più grande manifestazione mondiale dedicata al vino, per presentare la prima cella fotovoltaica realizzata con i residui della vinificazione? Sarà proprio Vinitaly a fare da trampolino di lancio all’ultimo nato nel settore dei pannelli solari organici: una dye-sensitized solar cell (DSSC), o Cella di Gratzel, a base dei pigmenti presenti nella buccia dell’uva.

Il prototipo è frutto del progetto CHEERS, avviato condotto dall’Università Ca’ Foscari Venezia, in collaborazione con l’Università degli Studi di Udine, Università di Malaga, Fondazione Università Ca’ Foscari Venezia e Vinicola Serena srl. La ricerca – finanziata dalla Commissione Europea attraverso il programma Fondo Sociale Europeo – mira a valorizzare il principale prodotto di scarto di una grande azienda vinicola veneta di Conegliano impiegando la feccia, residuo di lavorazione dei vini bianchi e rossi. Questo sottoprodotto è, estremamente ricco di composti, come ad esempio i polifenoli, che, a causa delle loro rilevanti proprietà biologiche, possono essere sfruttati per scopi industriali, con applicazioni nei campi nutrizionale, medico e cosmetico e persino energetico.

 

Come spiega Elisa Moretti, professoressa di Chimica Inorganica al Dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi di Ca’ Foscari e responsabile dl progetto CHEERS, l’idea alla base dello studio è quella di “recuperare la feccia ottenuta dalla lavorazione e chiarificazione dei vini, valorizzando tale rifiuto da smaltire e impiegandolo per la costruzione di celle fotovoltaiche a colorante organico”. Non è ovviamente la prima volta che la ricerca sui pannelli solari organici si affida a pigmenti naturali estratti da ortaggi, fiori, frutti e pesino foglie. In questi anni sono state realizzate celle di Gratzel a base di coloranti quali carotene, la clorofilla, l’antocianina e il tannino, anche se con risultati molto contenuti in termini di efficienza (leggi anche Celle solari ai Frutti di Dio, il fotovoltaico organico made in India).

Su questo stesso filone si inserisce il progetto di Ca’ Foscari con l’obiettivo di creare una sorta di modello virtuoso: produrre energia rinnovabile recuperando uno scarto di produzione e trasformandolo in una risorsa “green”.

 

Come funziona la nuova DSSC? Il colorante, estratto dagli scarti del processo di vinificazione, cattura la luce solare iniettando elettroni al semiconduttore, costituito da nanoparticelle di biossido di titanio poroso. L’elettrone generato è in grado di percorrere il circuito esterno, producendo corrente elettrica rinnovabile e sostenibile.

“Questo tipo di cella solare – aggiunge Moretti – è una macchina molecolare che lavora nel campo delle nanotecnologie, mimando il processo di fotosintesi clorofilliana, e rappresenta un’alternativa ai sistemi tradizionali (celle al silicio) sia per vantaggio economico, sia per metodologie costruttive eco-friendly, che permettono un riciclo a basso impatto ambientale, sia per l’efficienza di conversione energetica in caso di clima nuvoloso o illuminazione artificiale”.

Il prototipo sarà presentato presso lo Stand dell’Azienda Vinicola Serena, mercoledì 10 aprile.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO