Qualità del carburante UE, ancora pochi i miglioramenti del dato emissivo

La relazione della commissione Europea al 2018 chiede di far presto per centrare l’obiettivo. I miglioramenti all’anno rispetto al 2017 sono stati scarsi.

Secondo la direttiva è necessario rispettare anche stringenti requisiti legati alla qualità dei combustibili destinati ai trasporti
Qualità del carburante
Image by David ROUMANET from Pixabay

di Tommaso Tetro

Dal 2010 taglio 3,7% dei gas serra nei combustibili impiegati in Europa

(Rinnovabili.it) – Dal 2010 c’è stata in Europa una riduzione di emissioni di gas serra dei combustibili fossili del 3,7% rispetto al 2010, in base ai dati forniti dai 28 Paesi membri dell’Ue. Questo quanto emerge dal rapporto della Commissione Europea sulla qualità del carburante con riferimento all’anno 2018; rispetto al 2017 i miglioramenti all’anno sono stati di poco rilievo, con taglio di circa lo 0,3%.

Secondo il documento – appena adottato dalla Commissione – però i passi in avanti variano notevolmente tra i diversi Stati. Ma la raccomandazione che riguarda tutti è di un’azione rapida per arrivare a raggiungere l’obiettivo del meno 6% al 2020, che è un traguardo imposto dalla direttiva sulla qualità dei carburanti per i trasporti rispetto alla linea di demarcazione rappresentata dall’anno preso come riferimento, il 2010. 

Leggi anche Decarbonizzazione dei trasporti: l’UE pronta ad accelerare su biofuel e combustibili sintetici

Non soltanto questo però. Perché nella direttiva in questioni vengono stabiliti anche stringenti requisiti legati alla qualità dei combustibili destinati ai trasporti; questo per proteggere la salute umana e l’ambiente, ma anche per rendere più sicuri i viaggi su strada in tutta Europa.

Nel 2018 – viene spiegato – i combustibili fossili costituivano la maggioranza della fornitura totale di combustibili; il diesel dominava nella maggior parte dei Paesi UE. I biocarburanti hanno rappresentato il 5,2% della fornitura totale di carburante nel 2018. Il diesel venduto in Ue è stato commercializzato con l’introduzione di quote di biodiesel e oltre il 90% della benzina conteneva bioetanolo.

Leggi anche I biocarburanti possono davvero sostituire i combustibili fossili?

In generale – viene segnalato – c’è un elevato livello di conformità ai limiti di qualità in Ue e la maggior parte dei parametri chiave dei combustibili nel 2018 ha rispettato i limiti di tolleranza. E anche la trasparenza è stata un elemento importante, dal momento che tutti gli Stati membri hanno riferito quando sono stati individuati combustibili non in linea.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO