weber + winterle architetti vince il XVIII Premio Architettura Città di Oderzo

BRAND ILLUMINAZIONE DESIGN

Si è svolta sabato a Oderzo (TV) la cerimonia di premiazione della XVIII edizione del Premio Architettura Città di Oderzo.

È stato proclamato vincitore il progetto della Biblioteca Mesiano (BUM) dell'Università di Trento dello studio weber + winterle architetti.

Sono state inoltre assegnate due menzioni speciali: “Architettura dei luoghi del lavoro” ai trevigiani mzc+, Giuseppe Cangialosi e Massimo Moretto, per il progetto La Fabbrica della fabbrica a Campodarsego (PD) e “Architetture per la comunità” a Carlana Mezzalira Pentimalli, anch'essi trevigiani, per la Biblioteca Civica di Bressanone (BZ).

Tre progetti che hanno sbaragliato la concorrenza di ben 79 candidature pervenute da tutta Italia e che si sono distinte anche nella rosa delle 8 segnalazioni della giuria, composta da Simona Malvezzi (Kuehn Malvezzi), Martina Salvaneschi (Associates Architecture), Stefano Gri (GEZA Architettura) e Luigi Lucchetta (Desireè Spa) e presieduta da Paolo Baratta, presidente della Biennale di Venezia fino al 2020 e già ministro della Repubblica.

Si tratta di progetti che, come da bando, si trovano nel Triveneto e sono costruiti ex novo oppure volti al riuso di spazi edificati esistenti, luoghi degradati e vuoti urbani.

Il progetto vincitore, la biblioteca universitaria Mesiano (BUM) di weber + winterle architetti, “conclude felicemente il contesto degli edifici dell'università e, allo stesso tempo, offre da un interno di qualità architettonica indubbia, squarci di vista e di apertura verso il mondo esterno, quasi una metafora della funzione formativa offerta agli studenti”.

I tre progettisti, oltre alla targa celebrativa, hanno ricevuto in premio le opere di tre fotografi urbani, anch’essi presenti, artisti emergenti del territorio e che operano nel Triveneto, stesso ambio del PAO: Alberto Sinigallia, Marina Caneve e Simone Santilli. Scatti e autori selezionati accuratamente da Carlo Sala della Fondazione Oderzo Cultura e moderatore della mattinata, che testimoniano la volontà precisa del Premio di sottolineare il legame storico tra architettura, paesaggio e fotografia e di valorizzare l'arte contemporanea a 360°.

Come simbolo di riconoscimento della qualità dei progetti realizzati, inoltre, è stata consegnata la targa anche agli altri 5 progettisti segnalati: Plasma Studio, Ulrike Hell per l’Appropriate Bistro Bergsteiger di Sesto; MoDus Architects di Bressanone per l’Abbazia di Novacella a Varna (Bressanone); i trevigiani CLINICAURBANA per il tabià Elisa a Zoldo Alto (Belluno); i meranesi Rauch Gapp Architekten per il Residence Ofenbaur a Merano; Enrico Dusi / Matteo Ghidoni + Sinergo spa per il casinò di Venezia - Ca’ Noghera. Questi progettisti hanno ricevuto anche un piccolo omaggio significativo e rappresentativo del territorio opitergino: un'edizione della Divina Commedia illustrata da Alberto Martini, fondamentale artista di Oderzo a cui è dedicata la pinacoteca di Palazzo Foscolo.

Non è stata, invece, assegnata, com'era invece previsto da bando, la vittoria per la menzione speciale dedicata ai progettisti under 35 in onore di Gloria Trevisan e Marco Gottardi - novità assoluta del Premio - perché è pervenuta una sola candidatura.

“La giuria ha lavorato in modo gioioso, a volte persino giocoso: questo è un Premio che premia le architetture e non gli architetti - racconta Paolo Baratta, presidente di giuria - con la ferma convinzione dell'utilità di questo Premio che nasce per la comunità. Le opere che abbiamo segnalato sono state fatte nonostante grandi difficoltà e quindi ancora di più manifestano la ferma volontà dei progettisti di non abbandonarsi all'indifferenza, di essere consapevoli della complessità del territorio e di non cedere alle sirene suadenti dell'autocelebrazione e della promozione di sé stessi. Invito tutti ad andare a vedere di persona i progetti selezionati a sentire la presenza dell'architettura”.

“È un onore aver vinto il Premio Architettura Città di Oderzo” - chiosano gli architetti Lorenzo Weber e Alberto Winterle, vincitori del Premio. “Il nostro progetto lavora con il paesaggio e nasce dall'esigenza di ridefinire un borgo e ridare una diversa connotazione a uno spazio in cui interno ed esterno dialogano tra loro. Il progetto offre il paesaggio come un'intuizione da regalare agli studenti che studiano la materia”.

 Biblioteca dipartimento Unitn
 
Davide Perbellini
Vedi Scheda Progetto
 
Davide Perbellini
Vedi Scheda Progetto
 
Davide Perbellini
Vedi Scheda Progetto
 
Davide Perbellini
Vedi Scheda Progetto
 
Davide Perbellini
Vedi Scheda Progetto
 
Davide Perbellini
Vedi Scheda Progetto
 
 
 
 
 
  Scheda progetto: Kulturbaum, tree of culture | New Brixen Public Library
 
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
 
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
 
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
 
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
 
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
 
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
 
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
 
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
 
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
 
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
 
 
 
 
 
  Scheda progetto: Appropriate_Bistro Bergsteiger
 
Florian Jaenicke
Vedi Scheda Progetto
 
Florian Jaenicke
Vedi Scheda Progetto
 
Florian Jaenicke
Vedi Scheda Progetto
 
Florian Jaenicke
Vedi Scheda Progetto
 
Florian Jaenicke
Vedi Scheda Progetto
 
Florian Jaenicke
Vedi Scheda Progetto
 
Florian Jaenicke
Vedi Scheda Progetto
 
Florian Jaenicke
Vedi Scheda Progetto
 
Florian Jaenicke
Vedi Scheda Progetto
 
Florian Jaenicke
Vedi Scheda Progetto
 
 
 
 
 
  Scheda progetto: Novacella Abbey
 
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
 
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
 
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
 
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
 
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
 
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
 
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
 
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
 
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
 
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO