Centro Sportivo Banca d’Italia: campi da tennis

centro

L'architetto Hans Bott, di origine tedesca, progetta l'originario centro sportivo della Banca di Italia, chiamato "Club House": la sua realizzazione avviene tra il 1936 e il 1940, in pieno regime fascista.

L'impianto è costituito da un corpo centrale di tre piani affiancato da due ali simmetriche più basse coperte da un loggiato. Al suo interno viene creata un'ampia corte mosaicata mentre all'esterno per le attività sportive si costruiscono una pista di atletica leggera e di pattinaggio, un campo di hockey su prato e vari campi da tennis.