Erco Individual fornisce l’illuminazione su misura per automobili da collezione

Tagli di luce che disegnano linee aerodinamiche di una carrozzeria dalla vernice azzurra, mentre le parti cromate lucidate risplendono come nuove.

Un’automobile può essere arte? Trovandosi al cospetto di un automobile rara, come la Citroën DS “Le Croisette” del 1958, la risposta a questa domanda diventa praticamente ovvia. Questo modello decappottabile è stato esposto assieme a molte altre vetture affascinanti nel corso dell’esposizione Grand Basel, un salone innovativo per esclusive automobili classiche.

La mostra

La mostra è composta da cento automobili esposte all’interno di cosiddette “cornici”; queste contengono da due ad un massimo di tre automobili di concessionari o collezionisti e compongono l’architettura espositiva. Le “cornici” sono piatteforme bianche che formano un’intelaiatura e sono chiuse sul lato superiore da una telo opaco. Il carattere unitario dell’esposizione è rimarcato anche dalla messa in scena degli oggetti esposti con la luce. Per esaltare l’impatto visivo delle forme, dei colori e del materiale, sia dal vivo, sia nelle fotografie o nei filmati, i parametri tecnici della qualità della luce sono stati definiti nelle prime fasi progettuali. Il responsabile di questo aspetto è stato l’ingegnere e progettista illuminotecnico Andreas Seiler, che ha pianificato l’illuminazione e altri elementi tecnici per conto dello studio di design berlinese Blue Scope.

erco
erco
erco

Architettura portatile

Il progetto ha dovuto affrontare sin dall’inizio una sfida non indifferente: l’intera architettura espositiva doveva essere portatile: così come Art Basel espone presso le proprie succursali internazionali, anche Grand Basel è una mostra itinerante. Tradotto in termini tecnici: le soluzioni non solo devono essere portabili e montabili/smontabili in maniera affidabile, ma al contempo devono essere compatibili con diverse reti elettriche e rispettare la legislazione e le norme di sicurezza della nazione ospitante. Per evitare la presenza di luce mista all’interno dei padiglioni ad illuminazione naturale, i progettisti hanno optato per una luce simile a quella diurna con una temperatura del colore pari a 5700K, con una resa cromatica perfetta.

erco
erco
erco

La soluzione di “ERCO individual”

Per realizzare questa soluzione luminosa su misura sono stati chiamati in causa dei potenziali fornitori, tra cui anche ERCO che, attraverso “ERCO individual”, la divisione che si occupa della personalizzazione dei prodotti di serie e la realizzazione di apparecchi, ha proposto un prototipo basato sulla serie di faretti Parscan che corrispondeva quasi a tutte le esigenze del progetto. Nel corso di una approfondita campionatura presso la sede del committente a Basilea, i faretti Parscan personalizzati hanno convinto definitivamente nel confronto diretto: non solo vengono rispettate in maniera precisa tutte le specifiche tecniche, ma anche il design e l’impatto visivo si sono rivelati superiori.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO