Sotto il soffitto della Scala

sotto
Milano, Piazza della Scala. “Luci Buone a Milano” (courtesy photo: I-dea srl)

Lo scorso 5 dicembre è stata inaugurata “Luci Buone a Milano” un’installazione luminosa in Piazza della Scala, sponsorizzata da Engie Italia, in collaborazione con Signify, che ha fornito gli apparecchi di illuminazione e la società di Ingegneria I-dea che ne ha definito il concept progettuale

Il concept

Il progetto si fonda su quel concetto di ‘Genius Loci’ inteso come luogo caratterizzato da legami storici culturali resi unici e immediatamente riconoscibili agli occhi del mondo. Per tradizione a Milano le festività natalizie iniziano il 7 dicembre con la festa del patrono Sant’Ambrogio, inaugurando la stagione operistica invernale del Teatro La Scala.

Questo evento e la sua fama prestigiosa sono un riferimento culturale italiano di identità e valore internazionale. Questo evento operistico è per pochi ma viene condiviso con tutti i cittadini, infatti l’Opera Prima è trasmessa in diretta in Galleria Vittorio Emanuele e in diversi altri luoghi di Milano.

Per questo la proposta progettata dal nostro Studio riprende il disegno neoclassico del soffitto del Teatro La Scala, e curvandosi e modellandosi sul pubblico si avvolge luminoso e sfavillante sui cittadini.

Il soffitto presenta un disegno a cassettoni digradanti su geometria realizzata secondo le spirali della sezione aurea, la proporzione ideale: è la stessa proporzione che gli artisti del Rinascimento perseguivano, tra cui Leonardo, la cui statua ci osserva dal centro della Piazza.

sotto
Il concept progettuale riprende il disegno neoclassico del soffitto del teatro La Scala (courtesy: I-dea srl)

Il progetto di illuminazione

L’elemento principale del progetto consiste nell’inserimento – intorno all’aiuola centrale della Piazza – di un elemento decorativo costituito da un reticolo a sezione toroidale, realizzato in policarbonato bianco opalino e sostenuto da una struttura autoportante a sbalzo in acciaio.

sotto
(courtesy: I-dea srl)
sotto
Uno degli studi per il concept (courtesy: Studio I-dea srl)

I montanti ed i traversi, fissati su plinti in cemento armato con apposite piastre di ancoraggio, sono verniciati di colore nero e mitigano la struttura tra gli alberi, enfatizzando l’elemento decorativo principale in pannelli bianchi di policarbonato. La struttura è impreziosita da gemme in vetro per dare un effetto scintillante.

L’installazione è illuminata nelle ore notturne da strip LED, a luce bianco fredda e RGB, posizionate all’interno di un apposito carter rifrangente fissato alla base del reticolo per un’illuminazione radente.

Il progetto illuminotecnico è pensato nel rapporto tra materia e luce: il flusso luminoso prodotto dalle strip LED monocolore o RGB alla base della curva colpisce i pannelli in policarbonato opalino, ritagliati secondo la trama aurea del soffitto della Scala, che raccolgono i raggi luminosi “curvando” così la luce, in scenografie statiche e dinamiche.

sotto
(courtesy: I-dea srl)

Le strip LED sono state fornite da Signify e sono un modello di ILTI Luce: per la luce monocromatica, si tratta di un filo di 110 m (N11.IP), un nastro LED IP67 fornito in bobina (5 m), adatto per applicazioni in esterni ad uso decorativo, con potenza di 14,4 W/m e flusso luminoso >800 lm/m, con temperatura di colore 4000 K, mentre per la luce RGB abbiamo ancora un filo di 110 m (N14.IP), un nastro LED RGB IP67 fornito in bobina (5 m), adatto per applicazioni in esterni ad uso decorativo, con potenza di 12,9 W/m, e un flusso luminoso di 500 lm/m full color.

L’animazione dinamica è realizzata tramite un quadro generale e da sottoquadri settoriali che collegati ad un programma con controllo da remoto (con tecnologia Philips) permettono il cambio colore a settori e la scenografia predefinita desiderata.

(a cura di Lorenza Golinelli, architetto-socio fondatore e Presidente – I-dea srl)

I-DEA SRL. LO STUDIO DI PROGETTAZIONE

sotto
I progettisti arch. Lorenza Golinelli e ing. Alberto Ricci Petitoni – Studio I-dea srl

I-dea srl è una società di ingegneria guidata da un architetto e un ingegnere, rispettivamente Lorenza Golinelli e Alberto Ricci Petitoni, che insieme operano unendo forze ed esperienze nella progettazione illuminotecnica, fornendo una progettazione qualificata ed indipendente tesa al benessere, alla sostenibilità e alla “bellezza”.

L’attività dello Studio è riconosciuta a livello nazionale come riferimento sia nella progettazione illuminotecnica che nella consulenza e progettazione integrata nel campo delle riqualificazione sostenibile degli edifici e dello sviluppo delle città intelligenti.

Con sede a Imola (BO), I-dea è associata APIL, ADI, AIDI e LIGHT IS – Professional Ecolight Association.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO