Addio a Vittorio Gregotti: il coronavirus ha colpito anche il noto architetto italiano

Si è spento a Milano, a 92 anni, l'architetto Vittorio Gregotti, uno dei Maestri dell'architettura italiana del '900.

Era stato ricoverato nella Clinica San Giuseppe in seguito alle conseguenze di una polmonite da coronavirus. Nello stesso ospedale è ricoverata anche la moglie.

Tra i progetti più importanti realizzati dallo studio Gregotti Associati International, da lui fondato nel 1974, ricordiamo il piano di sviluppo del quartiere della Bicocca di Milano (1985-2005) in Italia e il Grand Théâtre de Provence (2003-2007) di Aix-en-Provence, In Francia.

addio


In occasione dei suoi novant’anni, nel 2017, il PAC di Milano aveva celebrato la carriera del Maestro con una mostra antologica che raccontava la sua ampia attività e quella del suo studio in oltre sessant’anni di progetti in Italia e all’estero.

La sua attività ha rappresentato una sorta di unicum nell’architettura europea, caratterizzata da un’unità metodologica e un impegno integrale in tutte le scale del progetto: dall'architettura al disegno urbano, dagli allestimenti museali al prodotto industriale, alla grafica e all' editoria.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO