Ripartenza, dal CNPI la guida per la sicurezza anti-covid

Quali sono le procedure corrette da seguire per aggiornare i piani di sicurezza secondo i nuovi Protocolli covid-19? Come verificare che gli impianti siano sicuri e salubri? Come effettuare in sicurezza i sopralluoghi necessari per le valutazioni immobiliari?

A spiegarlo il vademecum del Consiglio Nazionale Periti Industriali (CNPI) che raccoglie i provvedimenti esistenti e i regolamenti anti-Covid e supporta i professionisti nei diversi settori di attività, soprattutto in quelle legate all’edilizia e alla termotecnica.

Come gestire la sicurezza in cantiere

Il CNPI ricorda che gli obblighi non riguardano solo il datore di lavoro ma anche tutti i professionisti che a vario titolo lavorano e vigilano in cantiere. Uno di questi è il coordinatore per la sicurezza che dovrà provvedere ad inserire nel PSC le profilassi anti-contagio previste dai Decreti e dovrà soprattutto valutare la concreta applicabilità al cantiere di interesse.

In sostanza la “possibilità” di effettuare le attività di cantiere dipende spesso dalla capacità delle imprese di garantire le misure che tutelino con efficacia le maestranze impiegate nei cantieri edili dal rischio di contagio da Covid-19, le cui procedure sono indicate dal Coordinatore.

Il Vademecum spiega anche il ruolo del Direttore dei lavori nella verifica dell’attuazione delle procedure anticontagio.

Sicurezza degli impianti: cosa valutare

Il CNPI mette in evidenza anche l’importanza della progettazione, realizzazione, gestione e manutenzione degli impianti di climatizzazione, alla luce del rischio da contagio da bioaerosol.

Inoltre, i Periti suggeriscono di eseguire una diagnosi accurata dell’impianto per realizzare gli interventi necessari prima dell’arrivo della stagione estiva, facendo particolare attenzione a:
- regolare l’impianto per sfruttare al massimo il free-cooling (raffrescamento gratuito);
- verificare che il recuperatore di calore sia a flussi incrociati e comunque, dove possibile, disattivarlo;
- aumentare, quando possibile, le portate di ricambio di aria facendo sempre attenzione alla distribuzione dell’aria in ambiente.

Infine, suggeriscono come compilare la diagnosi dell’impianto attraverso un apposito modulo di verifica.

MAGGIORI APPROFONDIMENTI SULL'ARGOMENTO